guidasostenibile.it

Smart City

Smart city: l’importanza della tecnologia per rendere le città sostenibili

Il ruolo della tecnologia è indispensabile nel rendere le nostre città sempre più “intelligenti” e la mobilità sempre più sostenibile. Anzi, è meglio parlare al plurale perché le tecnologie disponibili sono molte; ed è importante che ciascuna di esse si integri e sia interconnessa per diventare parte di un unico ecosistema.

La condivisione dei dati

Se da una parte c’è l’importanza delle infrastrutture tecnologiche innovative, dall’altra diventa essenziale anche la condivisione dei dati tra pubbliche amministrazioni e gestori privati in una sorta di “smart city control room”, proprio per gestire al meglio la mobilità, trovare le soluzioni più adeguate per programmare interventi che portino ad una maggiore sostenibilità e comunicare in breve tempo ai cittadini le eventuali criticità.

I semafori intelligenti

Ma quali sono gli strumenti tecnologici che si possono adottare nelle cosiddette “smart cities”?

Tra quelli a disposizione, ci sono, ad esempio, i semafori intelligenti. Possono contribuire a ottimizzare i flussi di traffico, riducendo il rumore, gli incidenti, i costi del trasporto, le code dei veicoli e di conseguenza i tempi di percorrenza degli automobilisti, ma anche e soprattutto le emissioni inquinanti.

Questi semafori funzionano grazie a dei sensori posti sulle vie di transito in grado di percepire il passaggio dei mezzi e quindi quantificarli. Un sistema che permette una gestione dei tempi semaforici più efficiente, regolando l’accensione del verde o del rosso in base ai flussi di traffico e ottenendo dei risultati estremamente positivi.

Ad esempio, in due distretti della città di Taipei (capitale di Taiwan), oltre ad una riduzione del traffico e dei tempi di viaggio per gli automobilisti, il risparmio complessivo sul consumo di carburante annuo è stato stimato in 318.269 litri all’anno e la riduzione delle emissioni di Co2 in 720,2 tonnellate all’anno.

I nuovi servizi di Google Maps per la sostenibilità

A inizio ottobre Google ha lanciato negli Stati Uniti (mentre in Europa arriverà nel 2022) una nuova funzione di Maps, sempre per incrementare la sostenibilità durante gli spostamenti. Questa funzione avrà come impostazione predefinita il tragitto che prevede la minor quantità di emissioni di carbonio quando i tempi di percorrenza sono simili a quelli dell’itinerario più veloce. Una novità che, secondo le prime stime, permetterà di evitare oltre 1 milione di tonnellate di emissioni di carbonio all’anno.

Google Maps, inoltre, tra le novità, prevede anche il miglioramento nella ricerca di auto elettriche e percorsi pedonali e ciclabili, consentendo di trovare con più semplicità anche gli itinerari per gli spostamenti in bici e scooter elettrici in sharing, con la localizzazione che verrà allargata a più di 300 città in tutto il mondo.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smart City

La sostenibilità arriva anche in ospedale

Sono sempre più numerose le realtà che decidono di porre attenzione alla sostenibilità: tra queste, c’è anche l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo che recentemente ha dato il via ad una collaborazione per l’installazione di colonnine di ricarica. 

Se volete sapere di più su questo interessante progetto, continuate a leggere il nostro articolo!

Il progetto

L’iniziativa nasce grazie all’azienda danese Novo Nordisk nell’ambito di un progetto internazionale denominato “Circular for Zero“, il quale si pone il nobile scopo di azzerare l’impatto ambientale entro il 2030. Si tratta di un progetto ad ampio raggio che vedrà l’installazione di infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici nei parcheggi di diversi ospedali in tutta Italia. 

Le nuove colonnine 

Tra questi, appunto, c’è anche l’azienda socio sanitaria territoriale (Asst) Papa Giovanni XXIII di Bergamo: in questo caso, negli scorsi giorni sono state installate 4 nuove colonnine di ricarica nel parcheggio della Casa di Comunità di via Borgo Palazzo, proprio per rispondere alle esigenze dei pazienti e dei loro familiari che si muovono con auto green. 

Le precedenti iniziative sostenibili 

L’Asst Papa Giovanni XXIII, tra l’altro, non è nuova ad iniziative di questo tipo, dimostrando una spiccata sensibilità e attenzione alla sostenibilità ambientale. “Queste colonnine – ha tenuto a precisare il direttore generale Maria Beatrice Stasi – si aggiungono a quelle che abbiamo installato l’anno scorso, grazie ad un finanziamento di Regione Lombardia, per un totale di 16 colonnine ora disponibili nei nostri presìdi”.

Nello specifico, lo scorso anno erano state realizzate 12 infrastrutture di ricarica nei parcheggi dell’ospedale per gli operatori e nelle aree di posteggio interne dedicate agli utenti (2 delle quali anche nel presidio di San Giovanni Bianco). L’attenzione è stata riservata anche ai motocicli elettrici, con una colonnina ad essi dedicata presso l’ospedale cittadino.

Ha lodato il progetto complessivo anche l’assessore regionale a infrastrutture e opere pubbliche Claudia Maria Terzi, evidenziando che “la Regione è impegnata nell’agevolare la realizzazione delle infrastrutture di ricarica”.

La tutela della salute si intreccia con quella dell’ambiente

Quindi, ora che finalmente la strada è stata trovata e il viaggio è iniziato bisogna continuare il percorso, accompagnati da più persone possibili perché, come afferma Alessandro Mantineo, Head of Patient Access Novo Nordisk Italia, “è importante coinvolgere la popolazione nelle diverse strategie per salvaguardare la salute della città e dei cittadini, così da guidarli ad un cambiamento significativo per la loro salute e per l’ambiente”.

Continua a leggere

Attualità

Electra: 3000 nuovi punti di ricarica ultraveloci

Ormai è chiaro: il futuro della mobilità sarà sempre più elettrico anche in vista dell’obiettivo posto dall’Unione europea, quello di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Per anni è risultato essere meno chiaro il fatto che per attirare nuovi acquirenti di veicoli green è necessario investire anche sulle infrastrutture di ricarica.

I professionisti del settore se ne stanno accorgendo e sono sempre più numerosi quelli che stanno decidendo di investire risorse anche nel nostro Paese. Tra questi, Electra ha deciso di investire 200 milioni di euro per installare in Italia 3000 punti di ricarica ultraveloci entro i prossimi 3 anni.

Alcuni dati

Se guardiamo ai dati nazionali non si può certo dire che negli ultimi anni le infrastrutture di ricarica non siano aumentate. Sulla base delle rilevazioni di Motus-E, al 30 settembre 2022 risultavano installati 32.776 punti di ricarica con una crescita del 32% rispetto al 2021.

Le nuove colonnine sono ultraveloci

Quello che contraddistingue l’investimento di Electra deriva dalla parola “ultraveloce”. Ad oggi sul totale dei punti di ricarica presenti in Italia solo circa 1000 risultano essere ultraveloci.

Una distinzione non da poco se si pensa al fatto che questa tipologia di colonnine consente di ricaricare l’auto elettrica in 15-30 minuti. In una società frenetica come la nostra, dove si dice che “il tempo è denaro”, potrebbe essere già un incentivo per avvicinare dubbiosi al mondo dei veicoli green.

Punti di ricarica capillari

Un altro aspetto importante dell’investimento di Electra sta nella capillarità: queste stazioni di ricarica, infatti, verranno realizzate nei pressi di centri commerciali, parcheggi, supermercati, hotel e ristoranti; quindi, in luoghi facilmente accessibili e dove nell’attesa del completamento della carica è possibile svolgere altre commissioni, senza sprecare tempo. Tra l’altro, si potranno prenotare in anticipo grazie ad una specifica app.

Chissà se saranno sempre più numerose le aziende che seguiranno la strada tracciata da Electra e chissà se molti scettici del mondo green con questa novità cambieranno idea? Per saperlo, non resta che attendere i futuri sviluppi!

Continua a leggere

Attualità

Come abitare in una casa sostenibile

Il mosaico della sostenibilità ha bisogno di svariati tasselli per essere completato e uno di questi è quello che raffigura le abitazioni. Abitare in una casa sostenibile contribuisce in maniera rilevante a ridurre le emissioni di Co2. Si pone un’attenzione particolare a partire dalla costruzione, sin dalla scelta dei materiali più ecosostenibili.

Ecco qui alcuni accorgimenti per vivere in una vera casa ecosostenibile.

I materiali

Partiamo proprio dalle fondamenta. Per la costruzione di case green è molto importante anche la scelta dei materiali e ne esistono molti alternativi a cemento, acciaio e plastica. Tra questi, possiamo ricordare il legno che risulta essere resistente e flessibile (si può utilizzare per i pavimenti ma anche per i muri, fino ad arrivare a casa economiche completamente costruite in legno), pietra naturale (per i pavimenti) e sughero (come isolante).

Come riscaldare la casa?

Una volta costruita l’abitazione, bisogna pensare a riscaldarla e illuminarla. In primis, è importante la presenza di molte finestre in vetro (meglio se doppio) che facciano entrare sufficiente luce; dopo per una vera casa ecologica non può mancare l’installazione di pannelli fotovoltaici, cappotti termici e pompe di calore.

I costi

La forbice dei prezzi per questa tipologia di abitazioni è ampia ma non è vero che sono inaccessibili. Da una parte i materiali ecosostenibili sono a basso costo e dall’altra i pannelli fotovoltaici riducono drasticamente i costi per l’energia e il costo per la loro installazione viene ammortizzato in una decina d’anni.

Alcuni dati

Quelli che abbiamo appena enunciato sono alcuni essenziali accorgimenti per abitare in una casa green che rispetti il può possibile l’ambiente che ci circonda anche perché il settore delle costruzioni risulta essere tra i più inquinanti.

Lo evidenziano nitidamente i dati: secondo uno studio delle Nazioni Unite, infatti, “nel 2021 – si legge nello studio – il settore delle costruzioni ha rappresentato circa il 37% delle emissioni di CO2 legate all’energia”. Per rendere meglio l’idea: le costruzioni hanno superato anche il settore dei trasporti che si è fermato al 22%.

Insomma, tutto ciò fa comprendere che il tassello dell’abitare è essenziale nel mosaico della sostenibilità, anche perché molti di voi dovranno abitare nella stessa casa per tutta la vita e se riuscirete a farlo in maniera sostenibile sarà un beneficio per tutti. 

Continua a leggere

News

Attualità1 settimana fa

Il mercato delle auto elettriche cresce, ma non come l’Europa

Il fatto sicuramente positivo è che il mercato delle auto elettriche sta crescendo, ma ci sono ancora grandi margini di...

Attualità2 mesi fa

L’auto più venduta al mondo è elettrica

Se gli scettici hanno sempre pensato che quello delle auto elettriche sarebbe rimasto un mercato di nicchia, forse dopo questa...

Attualità2 mesi fa

Intervista al bergamasco Mario Caironi

“La mobilità sostenibile è una strada inevitabile. Bisogna investire in modo serio in quella direzione per il beneficio di tutti,...

Smart City2 mesi fa

La sostenibilità arriva anche in ospedale

Sono sempre più numerose le realtà che decidono di porre attenzione alla sostenibilità: tra queste, c’è anche l’ospedale Papa Giovanni...

Scooter Elettrici Scooter Elettrici
Micromobilità3 mesi fa

Scooter elettrici: i modelli made in Italy

Non ci sono solo monopattini e auto elettriche, negli ultimi anni si stanno diffondendo sempre più capillarmente nelle nostre città...

IBF_2023 IBF_2023
Eventi3 mesi fa

A settembre torna Italian Bike Festival, la manifestazione che mette al centro la bicicletta e la sostenibilità

Per voi la bicicletta non è solo un mezzo green ma un vero e proprio stile di vita che rappresenta...

Mezzi e modelli3 mesi fa

Volkswagen ID.7, l’auto elettrica adatta ai lunghi viaggi

Se avete sempre pensato che le auto elettriche non siano adatte ai viaggi lunghi, ora dovrete ricredervi perché è uscita...

Viaggiare3 mesi fa

Il viaggio in treno è green: tre percorsi per l’estate

Consente di viaggiare assaporando la bellezza dei paesaggi, riscoprendo la lentezza come virtù per godersi appieno l’ambiente che ci circonda...

Ambiente3 mesi fa

Vacanze sostenibili? Ci sono le Seychelles!

State pensando ad una vacanza all’insegna della sostenibilità? E magari la vorreste fare all’estero, in un posto paradisiaco? Niente paura abbiamo trovato...

Ambiente3 mesi fa

Il record di velocità su skateboard elettrico

Se pensate sia impossibile che uno skateboard elettrico possa raggiungere la stessa velocità di un’auto, ora dovrete ricredervi perché c’è...

RIMANI AGGIORNATO

Trending

Powered by Green Marketing