14.302 punti di ricarica in 7.462 stazioni accessibili al pubblico. Sono i dati aggiornati a maggio 2020 relativi alle infrastrutture per veicoli elettrici presenti in tutta Italia. Si tratta di rilevazioni effettuate da MOTUS-E, associazione che riunisce operatori del trasporto, utenti, mondo accademico e filiera industriale con l’obiettivo di analizzare gli ostacoli tecnologici, economici e normativi che rallentano la crescita del mercato della mobilità elettrica in Italia.

In una sua pubblicazione l’associazione evidenzia anche che la ripartizione media è del 73% per le infrastrutture ad accesso pubblico e del 27% su suolo privato ad uso pubblico (ad esempio i centri commerciali).

La crescita delle infrastrutture di ricarica

Quello che traspare è che dopo il lockdown le infrastrutture di ricarica risultano essere in crescita. Rispetto alla precedente elaborazione, infatti, effettuata su dati relativi a fine gennaio 2020, nel trimestre febbraio – maggio sono aumentate in media del 4%. Crescita che, però, è inferiore rispetto a quella del +33% registrata nel trimestre ottobre 2019 – gennaio 2020.

Il vademecum di MOTUS-E per le ricariche domestiche

Interessanti, poi, le informazioni che MOTUS-E fornisce in un vademecum relativo alla ricarica domestica, dove spiega anche le agevolazioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2019, la quale prevede una detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute per chi installa entro il 31 dicembre 2021 infrastrutture di ricarica elettriche, anche nei condomini, inclusi i costi per la richiesta di potenza addizionale fino ad un massimo di 7 kW.

Dal punto di vista normativo, inoltre, nello stesso vademecum si ricorda che già dal 2012 è previsto l’obbligo di installazione di punti di ricarica per gli edifici di nuova costruzione ad uso diverso da quello residenziale con superficie utile superiore a 500 metri quadrati.

Per evidenziare ancora più nettamente l’importanza delle reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli elettrici, nel 2016 lo stesso obbligo è stato esteso agli edifici residenziali di nuova costruzione con almeno 10 unità abitative. Nello stesso vademecum, inoltre, sono chiariti alcuni dubbi per quanto riguarda le decisioni condominiali, fornendo anche informazioni relative a costi e consumi.

L’aumento delle vendite delle auto elettriche

L’importanza di investimenti in colonnine di ricarica sta diventando sempre più evidente, anche alla luce di un rapido successo delle auto elettriche. Sempre l’associazione MOTUS-E, infatti, ha pubblicato i dati aggiornati al 31 maggio 2020 relativi alle vendite (sia di auto elettriche che ibride) che hanno fatto registrare un aumento del 78,13% mensile ed un aumento del 108,58% anno su anno, quindi nei primi 5 mesi del 2020.

Tenendo conto del fermo di due mesi dovuto al lockdown si comprende ancora meglio la crescita del comparto elettrico dell’automotive e dei trasporti in Italia.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by