guidasostenibile.it

Mezzi e modelli

Prova su strada della MINI SE con Omar Fantini

Omar Fantini ci porta alla scoperta della MINI SE attraverso alcuni dei quartieri più iconici di Milano, veri musei a cielo aperto dedicati alla street art.

Design

Partiamo da via san Faustino, con un approfondimento sul design della MINI elettrica.

Per gli esterni, segnaliamo in particolare gli inserti gialli (che richiamano proprio la motorizzazione elettrica) e la carenatura completa anteriore.

Internamente il modello elettrico si caratterizza per l’allestimento top di gamma – lo stesso dei modelli benzina e diesel – con grande attenzione dunque ai dettagli.

Esperienza di guida

Nel tragitto verso il quartiere Ortica, campo base del noto duo di street artist Orticanoodles, scopriamo l’esperienza di guida della MINI SE.

Vediamo che l’accelerazione è molto reattiva: si può infatti passare da 0 a 100 in soli 7 secondi.

Il baricentro dell’auto è molto basso, anche grazie alla posizione delle batterie, e ne migliora la stabilità e la maneggevolezza.

Parliamo anche di autonomia: la casa costruttrice dichiara 230 km, ma per i dati reali ci aggiriamo tra gli 180 e i 200 km. Perfetta comunque per la guida cittadina.

Un’unica avvertenza: il sistema di infotainment non riconosce Android Auto, ma solamente Apple CarPlay, e questo potrebbe quindi essere un limite per una parte dei guidatori.

Facciamo una sosta in via Pontano, dove il nostro Omar ci ricorda di iscriverci al canale YouTube di Guida sostenibile per rimanere sempre aggiornati!

Conclusioni

Arriviamo infine in piazza Gae Aulenti, vicino al quartiere Isola, dove storia e contemporaneità si incontrano: come nella MINI SE, dalle linee classiche, ma con lo sguardo rivolto al futuro della mobilità.

Ringraziamo MINI Lario Bergauto per la gentile concessione del modello in prova.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mezzi e modelli

Lightyear One: l’auto elettrica che si ricarica con l’energia solare

Entrerà in produzione il prossimo autunno e il primo veicolo sarà consegnato già a partire da novembre: sono queste le ultime notizie ufficiali sulla rivoluzionaria Lightyear One, l’auto elettrica che si ricarica anche attraverso l’energia solare.

Un mezzo davvero innovativo con l’obiettivo di essere il trampolino di lancio per una successiva serie di veicoli simili, puntando alla vera diffusione di massa.

Il prezzo

Lightyear One sarà disponibile a 250 mila euro, quindi non potrà essere accessibile a tutti. Farà da apripista a Lightyear 2, disponibile tra la fine del 2024 e l’inizio del 2025 e avrà un prezzo decisamente più abbordabile per il grande pubblico: intorno ai 30 mila euro.

La caratteristica principale

“Si autoricarica ogni volta che il tetto assorbe la luce del giorno, quindi la ricarica diventa un viaggio, non una destinazione”. Così scrivono sul  sito web ufficiale della start up, al fine di dare risalto alla caratteristica più rivoluzionaria di questo primo modello di “auto solare”. Il viaggio, infatti, non ruoterà per forza attorno alla disponibilità di colonnine di ricarica lungo il tragitto.

L’autonomia

Tutto questo grazie ai cinque metri quadrati di pannelli solari installati lungo tetto e cofano della pioneristica auto, che consentono di ottenere (in condizioni ottimali) 70 km di autonomia al giorno, da aggiungere ai 625 km che già garantisce la batteria da 60 kWh.

Alcuni numeri

Per comprendere ancora meglio la portata di questa innovazione, basta snocciolare alcuni numeri. Secondo la società, in un anno i pannelli solari potranno assicurare fino a 11.000 km di autonomia; calcolando spostamenti quotidiani medi in 35 km, i conducenti di Paesi come Spagna e Portogallo, potranno guidare per 7 mesi senza dover ricaricare alle colonnine, mentre nei Paesi Bassi lo potranno fare per 2 mesi.

Tra l’altro, questo mezzo aggiunge un’attenzione in più all’ambiente: interni ecologici con materiali riciclati e pannelli esterni della carrozzeria in carbonio riciclato.

Esclusiva o di massa?

Questo mezzo rimarrà confinato in un utilizzo esclusivo o riuscirà davvero a conquistare il mercato di massa? La risposta la fornisce Lex Hoefsloot, amministratore delegato della start up Lightyear: “Crediamo che fra dieci o vent’anni tutti guideranno auto a energia solare”. Non ci resta che attendere per vedere se il sogno diventerà realtà!

Continua a leggere

Mezzi e modelli

Jeep Compass 4xe Plug-In Hybrid: amica dell’ambiente

Amate guidare anche fuori strada e ammirare la natura che vi circonda? Se la vostra risposta è affermativa, la nuova Jeep Compass 4xe Plug-In Hybrid farà sicuramente al caso vostro. Si tratta di un’auto che, grazie al motore silenzioso in modalità elettrica, consentirà di apprezzare ancora meglio l’ambiente che vi circonda. Rispetta il più possibile riducendo al minimo l’inquinamento.

Le caratteristiche tecniche

Ovviamente si tratta di un’auto adatta anche a un utilizzo nei centri urbani. È molto comoda per lunghi viaggi, grazie a comfort di guida, tecnologia innovativa e grandi spazi.

Questa nuova vettura ha un cambio automatico a 6 rapporti, “può erogare fino a 240 CV di potenza in combinato – si legge sul sito web ufficiale – e raggiungere un’accelerazione 0-100 km/h in 7,3 secondi”. Il solo motore elettrico, con una batteria da 11,4 kWh, consente di percorrere circa 49 km di autonomia.

Inoltre, alla guida si può scegliere fra differenti modalità di utilizzo dei motori, 190 CV o 240 CV, tre modalità di guida (ibrida, elettrica e e-Save, che mantiene il livello di carica della batteria aumentando l’efficacia della ricarica autonoma), oltre a quattro diverse tipologie di guida, da scegliere in base al terreno che dovrete percorrere.

È adatta ai lunghi viaggi

La nuova Jeep Compass 4xe Plug-In Hybrid è particolarmente adatta anche ai lunghi viaggi, grazie alla capacità di trainare rimorchi pieghevoli da campeggio, oppure carrelli per piccole imbarcazioni, motocicli o motoslitte.

Una vettura innovativa

Una vettura che è all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, con innovazioni che vi consentono di guidare sicuri apprezzando anche il paesaggio che vi circonda: tra queste, ci sono sistemi che mantengono il veicolo entro i limiti di velocità, avvisano il guidatore in caso di sonnolenza, riconoscono i pedoni e regolano velocità e traiettoria.

Il prezzo

Insomma, si tratta di un mezzo che ha tutte le caratteristiche per consentirvi di guidare in maniera sostenibile, anche in mezzo alla natura, grazie ai molto comfort e alla guida silenziosa: il tutto riducendo al minimo sia i rischi che l’inquinamento. Ma quanto costa? Si può acquistare a partire da 46.750 euro.

Continua a leggere

Mezzi e modelli

LAMBROgino, il risciò sostenibile

Nelle località turistiche possono essere utilizzati come dei particolari risciò, per portare i passeggeri in giro per la città ad ammirare vie e monumenti; il vano di carico aperto, però, può anche essere sfruttato per qualcosa di più pratico, come il trasporto di oggetti e attrezzi da lavoro. Stiamo parlando di LAMBROgino, mezzo di trasporto sostenibile a tre ruote con pedalata assistita realizzato dall’azienda svizzera Repower.

Le caratteristiche tecniche

Questo innovativo veicolo green ha un motore elettrico da 250 W, con una batteria che si può ricaricare in 4-6 ore, garantendo un’autonomia tra i 30 e i 40 km. I freni sono idraulici a disco e la velocità massima consentita è di 25 km/h (essendo omologati come e-bike seguono le loro regole).

LAMBROgino è anche dotato di una panca posteriore per il trasporto dei passeggeri: all’occorrenza può anche essere rimossa, liberando molto spazio per caricare materiali e oggetti. In totale la capacità di carico è di 350 kg (conducente incluso). 

Un veicolo green utile anche per i turisti

Un mezzo che diventa molto utile in ambito turistico, da proporre come servizio aggiuntivo a disposizione delle strutture ricettive. Questi particolari mezzi di trasporto sostenibili hanno recentemente fatto la loro comparsa a Sorrento, nell’ambito di un convegno su mobilità e turismo sostenibili. 

La loro particolare struttura incuriosisce i turisti, che vogliono provarlo per visitare la città comodamente seduti su una panca. Inoltre, grazie alla presenza di un capote retraibile e sfoderabile (opzionale), possono essere protetti anche in caso di pioggia. 

LAMBROgio, il mezzo adatto ai rider

Altro veicolo green a tre ruote con pedalata assistita dell’azienda Repower è LAMBROgio, che ha le stesse caratteristiche tecniche di LAMBROgino, ma è specifico per i trasporti da lavoro. 

Si tratta di un veicolo con parabrezza integrato, un vano chiuso molto capiente e il portellone anteriore, che può anche fungere da portellone per il lavoratore in caso di maltempo. 

Entrambi hanno la carrozzeria riciclabile, sono disponibili in tre colori (rosso, bianco, antracite) e si possono noleggiare a lungo termine (per 36 mesi), oppure acquistare.

Per ulteriori informazioni: https://www.repower.com/it/lambro/#lambrogino

Continua a leggere

News

Tecnologia12 ore fa

Enovix: le batterie che si ricaricano all’80% in soli 5 minuti

La batteria della vostra auto elettrica è quasi completamente scarica. Trovate nelle vicinanze una colonnina di ricarica, ma non avete...

Mezzi e modelli4 giorni fa

Lightyear One: l’auto elettrica che si ricarica con l’energia solare

Entrerà in produzione il prossimo autunno e il primo veicolo sarà consegnato già a partire da novembre: sono queste le...

Smart City1 settimana fa

Città sostenibili: la strada è tracciata ma il percorso è ancora lungo

Per rendere le nostre città sempre più sostenibili è importante un cambiamento della cultura e delle abitudini dei cittadini. Sicuramente...

Mezzi e modelli2 settimane fa

Jeep Compass 4xe Plug-In Hybrid: amica dell’ambiente

Amate guidare anche fuori strada e ammirare la natura che vi circonda? Se la vostra risposta è affermativa, la nuova...

Mezzi e modelli2 settimane fa

LAMBROgino, il risciò sostenibile

Nelle località turistiche possono essere utilizzati come dei particolari risciò, per portare i passeggeri in giro per la città ad...

Attualità3 settimane fa

Settimana europea della mobilità: focus sul tema connessioni

Dal 16 al 22 settembre torna la settimana europea della mobilità, campagna di sensibilizzazione della commissione europea sulla mobilità sostenibile e...

Attualità3 settimane fa

Jaguar venderà solo auto elettriche a partire dal 2025

Da una parte chi si lamenta per la misura approvata dal Parlamento europeo, con lo stop alle vendite di nuove auto benzina,...

Mezzi e modelli4 settimane fa

2025: arriva la prima Ferrari completamente elettrica

Il circolo è virtuoso: le vendite delle auto elettriche crescono, le case automobilistiche decidono di investire di più in questo settore...

Mezzi e modelli4 settimane fa

Nuova Vespa 50 Special-e 100% elettrica: vintage e moderna

Prendete il vintage, mischiatelo con il moderno, aggiungeteci un tocco di sostenibilità e vi troverete di fronte alla nuova Vespa...

Società1 mese fa

Il Comune di Bari mette al centro sostenibilità e innovazione

Un progetto per partecipare all’avviso pubblico Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – Mobility as a service for Italy (Maas4italy)...

RIMANI AGGIORNATO

Trending

Powered by Green Marketing