Il presente dell’auto è sempre più elettrico con il raddoppio delle vetture ibride ed elettriche in circolazione. Ci sono tutti i requisiti perché lo diventi sempre di più, specialmente dopo l’aumento continuo dei prezzi della benzina e il recente accordo europeo per lo stop alla vendita di nuove auto benzina, diesel e gps a partire dal 2035.

Si prospetta un roseo futuro per il mondo dell’automotive green. Infatti, soprattutto i giovani d’oggi sono sempre più sensibili alle tematiche legate al rispetto dell’ambiente e sembrerebbero avere tutta l’intenzione di avvicinarsi al mondo delle auto elettriche.

Analisi AutoScout24: aumentano le auto green

Tutto ciò non è solo una nostra sensazione, ma viene confermato oggettivamente anche dai numeri.

Secondo un’analisi del Centro Studi di AutoScout24, sulla base dei dati Aci, nel 2021 sono quasi raddoppiati (+93%) i veicoli ibridi ed elettrici in circolazione rispetto al 2020, passando da 595.807 vetture a 1.149.528: le regioni con più auto green sono la Valle d’Aosta (8,7% dei veicoli circolanti in regione) e il Trentino-Alto Adige (8,1%). 

Le vendite di auto elettriche stanno andando bene anche in questa prima parte del 2022: nei primi due mesi hanno raggiunto la soglia del 41,2% sul totale di vetture nuove.

Una strada ancora in salita

Ma non sono tutte rose e fiori. Delle circa 39.823.000 auto in circolazione, le ibride e le elettriche sono solo il 2,9% e quest’ultime raggiungono solo lo 0.3%.

La strada è ancora in salita; servono passi importanti anche da parte dello Stato, per arrivare preparati all’importante traguardo del 2035. Un esempio? Incentivi per l’acquisto di auto green e per la riconversione delle imprese.

L’entusiasmo dei giovani

C’è anche da dire, però, che l’opinione dei giovani porta una ventata di ottimismo. Secondo un altro studio di AutoScout24, infatti, ben il 73% degli intervistati della Generazione Z probabilmente o sicuramente prenderà in considerazione l’acquisto di un’auto ibrida plug-in e i due terzi del campione un’auto elettrica.

I motivi rispecchiano ancora di più la loro sensibilità: il 55% lo farà per il rispetto dell’ambiente, mentre il 38% perché rappresentano il futuro. 

Ecco, ci sono tutti i presupposti perché diventi la generazione della sostenibilità. 

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by