Si chiama Microlino e “non è un’auto”, come recita lo slogan, ma non è nemmeno una moto. Allora, cos’è? E’ una microcar elettrica che vi permette di muovervi agevolmente nel traffico cittadino. Ha il pregio di essere un mezzo riparato in caso di maltempo e il vantaggio di inquinare il meno possibile.

Il veicolo in questione, tra l’altro, è completamente realizzato in Italia e unisce la tradizione con l’innovazione. Scopriamo insieme la storia e le sue caratteristiche.

Cenni storici

Questa microcar prende spunto dalla famosa Isetta, una microvettura che fu prodotta tra il 1953 e il 1956 dalla casa automobilistica italiana Iso di Bresso. Ebbe molto successo tra il 1955 e il 1962 quando Bmw iniziò a venderla su licenza. Microlino si ispira proprio a questo veicolo e lo si può comprendere osservando la caratteristica che lo contraddistingue: l’unico sportello frontale per entrare e uscire dal veicolo.

Microlino si differenzia non poco dalla storica microcar “gemella” perché si tratta di un mezzo totalmente sostenibile che viene realizzato nello stabilimento di La Loggia (Torino). Prodotto dall’azienda svizzera Micro Mobility Systems è distribuito in Italia dal Gruppo Koelliker, specializzato nell’importazione di veicoli green.

Le caratteristiche tecniche

Nello specifico, questa “moderna Isetta” è un quadriciclo elettrico di categoria L7 che permette all’automobilista di scegliere tra tre tipologie di batterie: 6 kWh con autonomia di circa 91 km, 10,5 kWh (autonomia 177 km) e 14 kWh con un’autonomia fino a 230 km. Batterie che sono anche comode e veloci da ricaricare: per farlo, infatti, bastano circa 4 ore per raggiungere l’80% di carica e una presa domestica.

In grado di raggiungere una velocità di 90 km/h, accelera da o a 50 km/h in soli 5 secondi.

Un veicolo che, nonostante sia piccolo (2,5 metri di lunghezza), ha ampio spazio nel bagagliaio (portata di 230 litri) e, per la sicurezza dei passeggeri, è dotato di un telaio in acciaio e alluminio. Pensato per due passeggeri, è disponibile in tre versioni: Urbano, Dolce e Competizione.

La sostenibilità al centro

Ma c’è un’altra particolarità di questo mezzo che è bene sottolineare: stiamo parlando di un mezzo non solo elettrico ma sostenibile davvero a 360 gradi.

Ce lo dicono i dati diffusi sul sito web ufficiale: essendo un’auto più leggera (il peso è di 496 kg) “ha bisogno del 65% di energia in meno rispetto alle auto elettriche convenzionali per portarti dal punto A al punto B”. Inoltre, per la produzione viene utilizzato il 60% in meno di energia rispetto alle altre auto e, visto che ha bisogno della metà dei componenti di un’auto tradizionale, richiede molta meno manutenzione.

Il prezzo

Si può acquistare a partire da 17.990 euro. Per ulteriori informazioni: https://microlino-car.com/en/choose-edition.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by