guidasostenibile.it

Società

La classifica delle migliori città per spostarsi in bicicletta

Quante volte vi sarà capitato di volervi mettere in sella alla vostra bicicletta ma il maltempo vi blocca? Quante altre volte avete desistito a causa della scarsa attenzione alle infrastrutture ciclabili nella vostra città? Poi tra di voi ci sarà anche chi vorrebbe raggiungere in bici il luogo di lavoro ma la paura di un furto alla fine fa optare per altre soluzioni. E quanti vorrebbero più servizi di bike sharing per cogliere più spesso l’occasione di un bel viaggio in bici all’insegna della sostenibilità?

Proprio basandosi sui suddetti parametri (e non solo) sono state stilate molte classifiche delle migliori città del mondo per spostarsi in bicicletta. Quali sono? Per scoprirlo non vi resta che continuare a leggere il nostro articolo!

Il Global Bicycle Index 2022

Tra le classifiche più recenti, c’è quella promossa da Lugo (società di assicurazioni francese), la quale deriva da uno studio basato su vari parametri (la maggior parte dei quali abbiamo già citato all’inizio dell’articolo: clima, sicurezza, servizi, infrastrutture): in totale, sono state prese in considerazione 90 città in tutto il mondo.

Il risultato che ne deriva è il “Global Bicycle Cities Index 2022” che propone il seguente podio:

1. Al primo posto c’è Utrecht (Paesi Bassi), città che risulta essere sicura anche per evitare furti, ben dotata di infrastrutture ciclabili e servizi di “bici condivisa”. Per comprendere l’importanza che è riservata alla bicicletta in questa città basta evidenziare un dato: qui c’è il parcheggio per bici più grande al mondo con ben 12.500 posti a disposizione.

2. Medaglia d’argento per Munster (Germania), dove emerge l’altissimo punteggio sulla sicurezza.

3. Il terzo gradino del podio lo conquista Anversa (Belgio), dove spicca l’elevata attenzione alle “bici condivise”.

Una classifica dominata dall’Europa: nelle prime dieci posizioni, infatti, c’è solo una città extra europea (Hangzhou in Cina, al settimo posto).

La situazione delle città italiane

Ma che fine ha fatto l’Italia? Purtroppo, in questa (ma anche in altre) classifica non è pervenuta nelle posizioni più rilevanti. Per trovare una città del nostro Paese bisogna scorrere fino al 65esimo posto, dove troviamo Milano, seguita al 70esimo posto da Roma.

Insomma, il nostro non è il “Belpaese” per le biciclette: speriamo, quindi, che le istituzioni si diano da fare il prima possibile per ridurre questo grande divario con gli altri Paesi, in modo da riuscire ad incentivare con vere azioni concrete la mobilità green e andare nella direzione di città sempre più sostenibili.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Senza categoria

La campagna di comunicazione di Mediaset per il turismo sostenibile

“E’ tempo di amare di più il nostro Paese, riscoprirlo con leggerezza, respirarlo a fondo, ammirarlo con rispetto e prendercene cura. Viaggiare in Italia, un segno d’amore”. Sono le poche ma efficaci parole dello spot Mediaset* per il turismo sostenibile. Lanciato a inizio maggio nell’ambito della campagna di comunicazione “Viaggiare in Italia: un segno d’amore”.

Una campagna che rientra nelle attività di “Mediaset ha a cuore il futuro”, ciclo di comunicazione per continuare a testimoniare l’impegno dell’azienda nei confronti dei temi che hanno interesse pubblico.

Una campagna di sensibilizzazione

Nello spot il testo è arricchito da splendide immagini di alcuni meravigliosi luoghi del nostro Paese. Va in onda su tutte le reti televisive, radiofoniche e sulle piattaforme digitali e social del Gruppo a partire da inizio maggio. Lo scopo è quello di sensibilizzare tutti i visitatori ad un turismo consapevole e sostenibile che metta al centro il rispetto della natura e dell’ambiente, senza dimenticarsi di tutelare e preservare tradizioni, culture e popolazioni locali.

Alcuni gesti concreti per un turismo sostenibile

Come farlo? Bastano piccoli ma efficaci gesti. L’acquisto di prodotti a km0, l’utilizzo prevalente di mezzi di mobilità sostenibile, scoprire le zone meno frequentate che hanno bisogno di essere rivalutate. L’importante è porre sempre la massima attenzione al rispetto dell’ambiente, oltre che alle culture e popolazioni che ci circondano con un’attenzione particolare anche al patrimonio artistico.

La ricerca dell’Università Cattolica di Milano

Proprio su questo tema è stata prodotta una ricerca dall’Università Cattolica di Milano dall titolo “Comunicare il turismo sostenibile”. È stata realizzata dal CeRTA (Centro di Ricerca sulla Televisione e gli Audiovisivi) in collaborazione con Publitalia ’80, presentata a fine maggio.

Tutto questo dimostra quanto sia importante e particolarmente efficace la comunicazione per sensibilizzare più persone possibili al tema della sostenibilità. Un’alleanza imprescindibile che si completa con una corretta informazione per fare in modo che sempre più persone abbiano il maggior numero di elementi per comprendere l’importanza di avvicinarsi al mondo green.

* Qui potete vedere lo spot di Mediaset: https://mediasetinfinity.mediaset.it/video/mediasethaacuoreilfuturo/viaggiare-in-italia-un-segno-di-amore_FD00000000381440

Continua a leggere

Società

L’evento sulla mobilità sostenibile che fa dialogare start up e imprese

La mobilità sostenibile genera anche creatività, fantasia e inventiva con molti giovani. Fiutando la potenziale crescita di questo settore, decidono di mettersi in gioco investendo in progetti concreti.

Proprio per questi negli ultimi anni sono molte le start up nate per proporre idee concrete nell’ambito della mobilità green; start up che potrebbero spiccare più facilmente il volo se potessero dialogare più facilmente con imprese mature con più esperienza alle spalle, per riuscire ad assorbire utili consigli per lo sviluppo d’impresa.

Ecco che allora diventano essenziali i momenti di confronto tra queste realtà. Da questo punto di vista uno degli eventi principali è MCE4x4 2023 “Incroci e transizioni”, iniziativa di open innovation, giunta all’ottava edizione, focalizzata proprio sulla mobilità sostenibile, organizzata da Assolombarda e Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Per cosa nasce l’iniziativa?

Questo prezioso evento nasce per far dialogare start up e imprese già avviate da tempo. L’idea che il dialogo, il confronto e la contaminazione tra differenti imprese possano essere gli strumenti più utili per lo sviluppo di nuove e innovative idee.

Come si svolge?

Così dal 3 maggio al 26 giugno è aperta una call (a cui si potrà presentare gratuitamente la candidatura. Per informazioni e scoprire i 4 ambiti di interesse: https://mce4x4.mobilityconference.it/call/ ) per selezionare 16 realtà innovativa innovative che potranno partecipare al successivo evento del 19 ottobre, la Mobility Conference Exhibition nella cornice di Palazzo Giureconsulti a Milano, dove potranno presentare le loro soluzioni, confrontarsi con imprese e avviare anche un percorso di collaborazione con i protagonisti del sistema economico e produttivo.

La curiosità

Piccola curiosità: l’evento di quest’anno è stato nominato “Incroci e transizioni”. L’intento è quello di rafforzare il concetto delle interconnessioni che la mobilità sostenibile deve riuscire ad attivare per raggiungere i suoi obiettivi.

Quindi, ancora una volta il dialogo e il confronto diventano strumenti essenziali per lo sviluppo, la crescita e la maturazione delle idee. Non solo per la mobilità sostenibile ma in qualsiasi ambito!

Per ulteriori informazioni: https://mce4x4.mobilityconference.it/

Continua a leggere

Società

Mezzi sostenibili al posto dell’auto privata? Cosa dicono gli italiani.

Quante volte vorreste prendere i mezzi pubblici ma nella vostra città ne passano troppo pochi, in ritardo e con un costo del biglietto eccessivo per il servizio offerto? Altre volte vorreste mettervi in sella alla vostra bicicletta ma le infrastrutture stradali nella vostra città sono poche e avete paura per la vostra sicurezza.

Se tutto questo venisse risolto, voi preferireste muovervi con i mezzi di mobilità sostenibile al posto di continuare a spostarvi alla guida della vostra auto? A questa domanda sembra proprio che una fetta consistente degli italiani risponderebbe di sì. Lo evidenzia un sondaggio di Ipsos-Legambiente, promosso in collaborazione con Unrae (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri).

Se volete scoprire cosa emerge nel dettaglio, continuate a leggere il nostro articolo!

I dati che emergono dal sondaggio

Il 23% del campione analizzato dal suddetto sondaggio, denominato “Tipi mobili nelle città italiane”, è rappresentato dai cosiddetti “aperti al pubblico”. Questa categoria di cittadini sarebbero disposti ad utilizzare più di ora i mezzi pubblici e condivisi. Lo farebbero solo se venissero potenziati i servizi offerti, anche con una diminuzione dei costi.

Al secondo posto con il 19% troviamo gli “obbligati ma insoddisfatti”. In pratica coloro che preferiscono spostarsi a piedi o in bicicletta perché conviene e sarebbero anche disposti a rinunciare del tutto all’automobile, ma non lo fanno per gli attuali problemi di sicurezza stradale e la scarsa offerta di mezzi in condivisione.

C’è, però, ancora una fetta abbastanza rilevante (14%) di “Irriducibili individualisti – mai fermi ma incollati al volante”. Queste persone considerano l’auto un simbolo e non vogliono rinunciarci. Interessante il fatto che il campione di questa categoria è dimezzato a Milano in favore degli “Attenti per scelta – multi mobili e multimodali”, cioè i cittadini che sono già sensibilizzati e aderiscono ad uno stile di vita sostenibile, i quali a livello nazionale rappresentano il 4%.

Quali soluzioni per una mobilità sostenibile?

Il sondaggio è davvero interessante e fa comprendere che non sarebbe così difficile far avvicinare la cittadinanza italiana alla mobilità sostenibile. Sostanzialmente le istituzioni in sinergia con i privati dovrebbero investire di più nelle infrastrutture per implementare questa tipologia di mobilità, potenziare i servizi e cercare di diminuire i costi, cosa che diventerebbe più facile una volta aumentato notevolmente il bacino di utenti che utilizzerebbe (e quindi pagherebbe) i mezzi pubblici o quelli in condivisione. Cosa fare, invece, per chi considera l’auto un simbolo? Anche qui c’è la soluzione: rendere attrattive le auto elettriche.

“il trasporto pubblico in Italia è molto al di sotto della media europea, con un quarto delle metropolitane, treni veloci, linee tranviarie e autobus elettrici rispetto agli altri paesi – commenta Andrea Poggio, responsabile mobilità di Legambiente. Per rendere le città sostenibili e inclusive, occorre adottare politiche che rendano i quartieri e le città più accessibili in bici e con mezzi elettrici condivisi adottando le nudge policies (o spinte gentili) attraverso incentivi economici, abbonamenti e miglioramenti dei servizi”.

Non sembra impossibile, vero? Pensate anche voi che un mondo dove la mobilità sostenibile diventi prevalente sia possibile?

Continua a leggere

News

Senza categoria8 ore fa

La campagna di comunicazione di Mediaset per il turismo sostenibile

“E’ tempo di amare di più il nostro Paese, riscoprirlo con leggerezza, respirarlo a fondo, ammirarlo con rispetto e prendercene...

Società4 giorni fa

L’evento sulla mobilità sostenibile che fa dialogare start up e imprese

La mobilità sostenibile genera anche creatività, fantasia e inventiva con molti giovani. Fiutando la potenziale crescita di questo settore, decidono...

Mezzi e modelli1 settimana fa

Il monopattino elettrico più sicuro ha tre ruote

I monopattini elettrici negli ultimi anni sono sempre più diffusi nelle nostre città. Una rapida diffusione che ha portato con...

Attualità2 settimane fa

La classifica delle auto elettriche più vendute nel mese di aprile

La crescita non è esponenziale ma l’importante è che ci sia comunque un incremento. Stiamo parlando delle vendite delle auto...

Società2 settimane fa

Mezzi sostenibili al posto dell’auto privata? Cosa dicono gli italiani.

Quante volte vorreste prendere i mezzi pubblici ma nella vostra città ne passano troppo pochi, in ritardo e con un...

Società3 settimane fa

Inquina di più l’automobile o l’aereo?

Vi è mai capitato di osservare le altre automobili quando siete bloccati in mezzo al traffico? Avrete sicuramente fatto caso...

Mezzi e modelli3 settimane fa

Tempesta Tenders, il motoscafo elettrico che “parla” italiano

Può essere utilizzato per il trasporto di passeggeri ma anche per le escursioni o per gli spostamenti dei carichi di...

Ambiente4 settimane fa

Guida ai comportamenti sostenibili e consapevoli

Forse il lockdown che abbiamo vissuto nel 2020 a causa della pandemia ci ha aperto gli occhi anche sulla sostenibilità...

Attualità4 settimane fa

Electric Days 2023, L’Eur di Roma accoglie l’evento sulla mobilità elettrica

Il 5, 6 e 7 maggio si sono svolti al Parco del laghetto dell’Eur di Roma gli Electric Days, il...

Attualità4 settimane fa

Il Giro d’Italia è sempre più sostenibile

Non c’è dubbio che la bicicletta sia il mezzo sostenibile per eccellenza. È anche certo che il Giro d’Italia sia...

RIMANI AGGIORNATO

Trending

Powered by Green Marketing