Quando parliamo di mobilità sostenibile è giusto avere i piedi per terra. Questo però non vuol dire che la mobilità aerea sia esclusa dal raggiungimento di obiettivi green sia a breve che a lungo termine. Vediamo quindi alcuni fra i progetti (in corso o già realizzati) che coinvolgono questo ambito.

Il primo aereo alimentato a idrogeno

Fare un viaggio aereo a emissioni zero è possibile? Ancora no, ma c’è chi sta lavorando per far sì che nel prossimo futuro volare nel pieno rispetto dell’ambiente non resti un sogno, ma si tramuti in realtà. Il gruppo aeronautico europeo Airbus, infatti, ha recentemente presentato “ZEROe“, il primo aereo di tipo commerciale a idrogeno che potrebbe sorvolare i cieli già nel 2035. L’azienda ha proposto tre concept di aerei, tutti con un denominatore comune: l’alimentazione a idrogeno.

Il primo dei tre modelli proposti è a turboelica: trasporterebbe fino a 100 passeggeri e sarebbe in grado di percorrere più di 1.000 miglia nautiche, adatto quindi per viaggi di corto-medio raggio.

Il secondo è un aereo con motore a turbofan o turboventola: potrebbe ospitare dai 120 ai 200 passeggeri e avrebbe un’autonomia di oltre 2.000 miglia nautiche, in grado di operare anche a livello intercontinentale.

Mentre il terzo modello è “blended-wing body”, cioè corpo alare misto (le ali si fondono con il corpo principale): in grado di trasportare fino a 200 passeggeri, avrebbe un corpo molto più ampio che consentirebbe sia di avere maggiore spazio per lo stoccaggio dell’idrogeno sia di distribuire i posti in cabina per i passeggeri.

Un progetto che dovrebbe essere definito il prossimo anno, mentre le tecnologie da utilizzare per realizzare i nuovi aerei verranno scelte entro il 2025.

L’aeroporto di Fiumicino a l’attenzione alla sostenibilità

Ma se l’attenzione alla sostenibilità in cielo richiederà ancora degli anni, a terra ci sono aeroporti che già da tempo prestano attenzione alla mobilità green. Tra questi c’è l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino che lo scorso luglio ha anche ottenuto un riconoscimento ufficiale sulla sostenibilità da parte dell’Organizzazione Mondiale del Turismo. L’ultimo progetto che strizza l’occhio alla mobilità sostenibile riguarda l’installazione dei primi 10 punti di ricarica rapida da 22 KW per veicoli elettrici, effettuata da FCA Bank e della sua controllata Leasys, proprio presso l’aeroporto di Fiumicino. L’iniziativa (che fa parte di un progetto nazionale più ampio) incentiva l’utilizzo delle auto elettriche per raggiungere l’aerostazione da parte dei passeggeri ma anche dei molti lavoratori.

L’aeroporto di Orio al Serio diventerà «Bike Friendly»

All’aeroporto internazionale Il Caravaggio di Orio al Serio, Sacbo (la società che gestisce l’aeroporto) recentemente ha assunto l’impegno di creare un anello perimetrale ciclabile, per valorizzare i tratti di viabilità minore e campestre e consentire la connessione con i percorsi ciclo-pedonali del territorio. Si tratta di uno degli obiettivi contenuti nel Piano di sviluppo aeroportuale al 2030, con il quale lo scalo bergamasco punta a diventare il primo «aeroporto Bike Friendly» in Italia.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by