“L’Italia è il quarto Paese europeo per numero di voli di jet privati, con 55.624 voli effettuati nel 2022, in crescita del 61% rispetto al 2021. Questi voli hanno causato l’emissione di 266.100 tonnellate di Co2, il doppio rispetto a quelle dell’anno precedente e pari alle emissioni medie di Co2 prodotte da più di 50 mila italiani in un anno”.

Basterebbero questi dati, riportati recentemente da Greenpeace Italy, per far comprendere quanto siano inquinanti i jet privati. Si nota quanto sia ampia e paradossale la sproporzione tra le emissioni del ceto medio, al quale sono richiesti sempre più sacrifici per la sostenibilità ambientale, e quelle dei più ricchi che non utilizzano certo i voli privati per necessità ma ne abusano solo per soddisfare la voglia di lusso estremo senza badare ai rischi per il Pianeta.

Alcuni dati

Un utilizzo inutile e superfluo che traspare nitidamente sempre osservando i dati. Nel 2022 il 55% dei voli di jet privati effettuati in Europa, infatti, ha percorso una distanza inferiore a 750 km. Distanza facilmente percorribile con altri mezzi di trasporto sicuramente più sostenibili e senza impiegare troppo tempo in più. Se con un jet privato si arriva da Milano a Roma in 73 minuti, in treno il viaggio dura circa 3 ore.

Un piccolo sacrificio in termini di tempo che vale la pena fare se rapportato al guadagno che ne deriva in termini di sostenibilità. “I jet privati – scrive sempre Greenpeace – causano mediamente emissioni di gas serra 50 volte superiori ad un viaggio in treno in Europa”.

C’è chi chiede l’abolizione dei jet privati

Sono già sufficienti questi dati per inquadrare il fenomeno e le motivazioni che spingono Greenpeace, il mondo ambientalista e alcuni partiti politici a chiedere l’abolizione o almeno la drastica riduzione dei jet privati. Per farlo Greenpeace propone di tassare le loro emissioni e l’eliminazione dell’accesso vip negli aeroporti per gli utenti di questi mezzi ultra inquinanti.

Secondo molti, l’eliminazione dell’utilizzo di questi velivoli potrebbe rappresentare anche una forma di giustizia sociale nei confronti di tutta la popolazione. “L’80% delle persone nel mondo non ha mai nemmeno preso un volo, mentre nel 2018 il 50% di tutte le emissioni del trasporto aereo è stato causato dal solo 1% della popolazione mondiale (fonte: Greenpeace)”. Una sproporzione che fa sicuramente pensare anche al fatto che sarebbe meglio investire con sempre più decisione sulla mobilità aerea sostenibile.

E voi cosa ne pensate? Vorreste l’abolizione o riduzione dei jet privati?

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by