La batteria della vostra auto elettrica è quasi completamente scarica. Trovate nelle vicinanze una colonnina di ricarica, ma non avete troppo tempo a disposizione per attendere che si carichi a sufficienza. Vi è già successo? Probabilmente sì. Fra poco non dovrete più preoccuparvi, perché c’è un’azienda statunitense, la Enovix, che ha pensato di realizzare delle particolari batterie che si ricaricano all’80% in soli 5 minuti.

Il progetto

Il progetto in questione si chiama ““3D Silicon Lithium-ion Batteries” e prevede la produzione negli Stati Uniti di batterie con particolari celle, che hanno un anodo di silicio attivo al 100%. “Teoricamente – si legge sul sito web ufficiale di Enovix – possono immagazzinare più del doppio del litio rispetto all’anodo di grafite utilizzato oggi in quasi tutte le batterie agli ioni di litio”.

Le caratteristiche delle batterie

Con queste nuove celle di prova, l’azienda statunitense ha fatto sapere che le sue batterie sono in grado di ricaricarsi all’80% in 5.2 minuti, arrivando al 98% in meno di 10 minuti.

Ma non solo sono veloci da ricaricare, risultano essere anche durevoli. Enovix, infatti, ha recentemente annunciato che le sue celle sono riuscite a superare i 1000 cicli, conservando una capacità del 93%, con perdite di prestazioni minime anche a elevate temperature.

Un mix positivo per queste batterie che dovrebbero superare i 10 anni di vita.

Quando saranno disponibili sul mercato

Fino a ora sono in fase di sperimentazione e non è ancora chiaro quando potrebbero entrare in commercio. Tuttavia, i test, puntuali e avanzati, sembrano mostrare speranza per un futuro prossimo in cui le batterie delle auto elettriche saranno più veloci da ricaricare.

Il progetto parallelo di Abb

Una speranza che Abb ha fatto diventare realtà sul fronte delle infrastrutture di ricarica. Lo scorso anno ha lanciato “Terra 360“, caricabatterie modulare che può caricare in contemporanea fino a quattro veicoli con distribuzione dinamica dell’energia.

Una stazione di ricarica che ha una potenza massima di 360 kW, garantendo ben 100 km di autonomia in meno di 3 minuti. Sarebbe in grado di caricare quasi completamente un veicolo elettrico in soli 15 minuti. L’innovativa infrastruttura è disponibile in Europa e negli Stati Uniti dalla fine dello scorso anno.

Due strumenti paralleli che rendono le prospettive sempre più rosee per la ricarica delle auto elettriche. Potrebbero dare uno slancio ancora più importante alle vendite dei mezzi green, avvicinando al settore anche chi è più restio, soprattutto per i problemi collegati alle ricariche.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by