Osservando le auto ibride plug-in superficialmente, si potrebbe pensare che le differenze rispetto a quelle elettriche pure siano prettamente formali, ma in realtà sono sostanziali ed è proprio per questo che è importante rimarcarle. Per farlo è fondamentale sciogliere tutti i dubbi che nutrono gli automobilisti che si stanno avvicinando al mondo della mobilità sostenibile.

Le domande poste frequentemente (FAQ) e le relative risposte

Ecco qui, allora, una serie di domande e risposte diffuse su questa particolare tipologia di veicoli.

1. Quali sono le differenze con gli altri veicoli?

Le auto ibride plug-in sono dotate sia di un motore termico sia di uno elettrico e, a differenza di quelle elettriche pure, possono proseguire il loro viaggio anche quando si scarica la batteria elettrica (anche se con consumi molto elevati). Le ibride plug-in, poi, si distinguono da quelle full hybrid e mild hybrid perché hanno batterie più capienti e vengono caricate con una spina, in questo caso allo stesso modo dei veicoli elettrici.

2. Qual è l’autonomia di un’auto ibrida plug-in quando viene utilizzata in modalità esclusivamente elettrica?

Solitamente la batteria di questi veicoli è da circa 8-9 kWh e consente di percorrere tra i 50 e i 60 km: ovviamente se si combina con il motore tradizionale l’autonomia aumenta notevolmente.

3. Dove si ricaricano?

Allo stesso modo delle elettriche pure, la batteria viene ricaricata da una fonte d’energia esterna con un cavo che si può collegare ad una presa di ricarica domestica, ad una wallbox oppure alle colonnine di ricarica.

4. Posso ricaricarla quando piove?

Sì, la sicurezza durante la ricarica è sempre garantita al 100%.

5. Quanto dura la batteria?

Dipende dai modelli, ma in genere con un corretto utilizzo i costruttori garantiscono dai 5 ai 10 anni di utilizzo o tra i 100.000 e i 200.000 km.

6. Quali sono i fattori che influenzano la durata della batteria?

Il clima troppo rigido (sotto i -5 gradi centigradi) fa diminuire l’autonomia, così come le temperature eccessivamente elevate (in genere, sopra i 30 gradi). Altri fattori sono: l’utilizzo del climatizzatore, lo stile di guida e i carichi sul veicolo.

7. Quali sono i vantaggi di queste auto?

Anche se non hanno un’autonomia paragonabile a quella delle auto elettriche pure, in ambito urbano si possono utilizzare in modalità esclusivamente elettrica (ad esempio, per il tragitto casa-lavoro) con evidenti vantaggi dal punto di vista ambientale ed eliminando allo stesso tempo “l’ansia da autonomia chilometrica” perché, in caso di batteria scarica, si può comunque proseguire sfruttando il motore termico.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by