Come funziona un’auto ibrida

Un’auto a sistema ibrido sfrutta la presenza di due motori al suo interno: uno elettrico e uno a benzina, che lavorano insieme.

Attenzione: due motori non significano doppie prestazioni! Il motore elettrico lavora in partenza sfruttando l’energia accumulata nelle batterie. Dopodiché, superata una certa velocità, parte il motore a benzina. 
Da lì in poi i due motori sono in grado di funzionare insieme, anche se il guidatore può decidere in qualsiasi momento di viaggiare in modalità esclusivamente elettrica, ma solo per pochi – quattro o cinque – chilometri.

I vantaggi di un’auto ibrida sono più di uno. Anzitutto, un’auto ibrida conviene perché consuma poco carburante, dal momento che l’accoppiata motore a benzina-motore elettrico migliora il rendimento complessivo della macchina. In secondo luogo, le auto ibride sono molto silenziose, sia che le si guidi in città oppure in autostrada.

Il terzo vantaggio è relativo aicosti di gestione di questi veicoli davvero contenuti. Oltre a consumare poco, le auto a sistema ibrido godono di agevolazioni in fatto di manutenzione e assicurazione e, soprattutto, l’esenzione dal bollo auto per tre anni.

Come funziona un’auto plug-in

L’auto a sistema ibrido plug-in rappresenta un’ulteriore evoluzione dell’auto ibrida. Una plug-in può essere pensata come l’insieme di un’auto ibrida e di un’auto elettrica. Infatti, un’auto ibrida plug-in non solo è in grado di ricaricare le batterie direttamente dalla rete elettrica domestica come una qualsiasi auto elettrica, ma può anche utilizzare con efficienza un motore a benzina come fosse un’auto ibrida.

Dotate di batterie più grandi delle ibride tradizionali, le plug-in permettono di percorrere di media tra 20 e 50 chilometri, a seconda del modello, senza che il termico entri in gioco poiché per ricaricarsi non ha bisogno di un motore a combustione interna, ma di una fonte di energia elettrica esterna.

I consumi di un’auto a sistema ibrido plug-in possono scendere sotto i 2 l/100 km.

Quindi, riassumendo la differenza tra ibrida tradizionale e ibrida plug-in, è che quest’ultima può essere collegata alla presa elettrica per ricaricare le batterie, mentre l’ibrida tradizionale necessita sempre del motore termico, anche per ricaricare le batterie.
La prima ha costi di acquisto inferiori e offre consumi bassi, la seconda ha un prezzo di listino mediamente superiore, ma è indubbiamente ideale se avete a disposizione una fonte d’energia con cui ricaricare le batterie.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by