“I veicoli elettrici di tutti i tipi stanno già facendo risparmiare 1.5 milioni di barili di petrolio al giorno, equivalenti a circa il 3% della domanda totale di carburante stradale”. È questo il dato che balza subito all’occhio osservando Electric Vehicle Outlook, il settimo rapporto annuale di BloombergNef. 

Un dato che fa immediatamente comprendere quanto, nonostante le critiche degli scettici, i veicoli elettrici riducano effettivamente l’inquinamento. Ma i numeri interessanti di questo studio non finiscono qui. Analizziamoli insieme.

I principali protagonisti

Il rapporto evidenzia che i veicoli elettrici a due o tre ruote sono i principali protagonisti della riduzione dei barili di petrolio, per ben il 67% del totale, seguiti da autobus e automobili. Un dato che fa ben sperare, anche perché le vendite di questi mezzi green risultano essere in crescita continua.

Le vendite di auto green nel mondo

Cosa dice il rapporto sui veicoli venduti? Nel 2021, in tutto il mondo, sono più che raddoppiati (+103%) rispetto al 2020, raggiungendo i 6.6 milioni, con la Cina e l’Europa che dominano (39% a testa).

Le previsioni

Ma le previsioni a breve termine degli esperti sono ancora più rosee: la stima, infatti, è che nel 2025 i veicoli elettrici e plug in raggiungeranno la quota di 77 milioni e rappresenteranno il 6% del totale.

Ci sono aspetti negativi?

Gli aspetti negativi? Aumenteranno i prezzi delle batterie (in particolar modo a causa dell’aumento dei costi delle materie prime). È anche vero che gli stessi esperti che si sono occupati di questo studio evidenziano che ciò non dovrebbe compromettere il continuo aumento delle vendite di mezzi elettrici, perché in parallelo stanno lievitando considerevolmente anche i prezzi di benzina e diesel, portando molte persone ad avvicinarsi al mondo dei veicoli green.

Per raggiungere l’ambizioso obiettivo dell’azzeramento delle emissioni di Co2 entro il 2050, i passi da fare sono ancora molti; i mezzi elettrici, infatti, dovranno arrivare a rappresentare più della metà della quota di mercato dell’automotive, per arrivare alla quasi totalità delle vendite del settore nel 2038.

In ogni caso, la strada intrapresa sembra essere quella giusta: ora che è tracciata bisogna far sì che più persone la intraprendano a gran velocità!

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by