Con l’estate e il relativo innalzamento delle temperature si verifica sempre un incremento nell’utilizzo dei condizionatori. La conseguenza inevitabile è l’aumento dell’inquinamento atmosferico, anche perché quasi sempre questi impianti vengono alimentati da fonti di energia non rinnovabile, derivante dai combustibili fossili. Fondamentali sono quindi le ricerche portate avanti in questo campo, soprattutto dal punto di vista della sostenibilità ambientale.

Il progetto di ricerca dell’Università di Harvard

È questo il progetto di un gruppo di ricercatori del Wyss Institute dell’Università di Harvard, che stanno sviluppando dei condizionatori economici ed ecologici (come riporta anche il sito rinnovabili.it). Per entrare più nei dettagli, il sistema ideato dal gruppo multidisciplinare di scienziati e designer è il Cold-SNAP: un impianto a basso costo e a basso utilizzo di energia che può funzionare anche dove sono presenti climi umidi e caldi.

Cold-SNAP-project
Cold-SNAP-project

Questo sistema sfrutta il raffreddamento evaporativo indiretto (che è in grado di isolare l’umidità), ad alta efficienza e green, anche perché non richiede l’utilizzo di refrigeranti chimici. Un metodo che arriva a consumare fino al 75% in meno di energia rispetto ai tradizionali sistemi di aria condizionata: questi ultimi infatti si affidano alla compressione meccanica del vapore per raffreddare e deumidificare l’aria e consumano quindi molta energia.

Il risultato che si ottiene con il sistema che stanno sviluppando i ricercatori di Harvard, invece, è quello di poter realizzare un impianto fino a quattro volte più efficiente rispetto ai condizionatori d’aria convenzionali.

Una soluzione economica e ecologica

Uno studio che per certi versi risulta essere davvero rivoluzionario, perché da una parte questi nuovi condizionatori avrebbero un basso fabbisogno energico e dall’altra anche un basso costo economico che potrebbe quindi allargare la maglia dei fruitori, permettendo anche alle persone più povere del globo di usufruirne, senza il rischio di far schizzare alle stelle i livelli di inquinamento atmosferico.

Una soluzione innovativa, che permetterebbe a tutti noi di rinfrescare l’ambiente in cui viviamo senza gravi conseguenze per il pianeta.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by