Per rendere le nostre città sempre più sostenibili è importante un cambiamento della cultura e delle abitudini dei cittadini. Sicuramente per realizzare tutto ciò sono indispensabili le infrastrutture.

Da questo punto di vista, ci dà buone notizie l’ultimo Rapporto del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) “Città in transizione: i capoluoghi italiani verso la sostenibilità ambientale”, il quale analizza le 20 città capoluogo e Bolzano. Vediamo insieme cosa emerge.

Le piste ciclabili e le aree pedonali

Partiamo dalle infrastrutture, perché sono indispensabili, non solo perché supportano questo cambiamento, ma diventano anche un incentivo per avvicinare i cittadini al mondo della mobilità sostenibile.

Ne sono un esempio le città attrezzate di lunghe, curate, collegate e sicure piste ciclabili. Da questo punto di vista, il report fa emergere i risultati più positivi ed evidenti. Nel 2019 le ciclabili sono aumentate in quasi tutti i Comuni analizzati: sul primo gradino del podio si piazza Torino con 166 km di piste ciclabili su 100 km quadrati di superficie, mentre con 100 km sono seconde a pari merito Milano e Bolzano.

Considerando il periodo tra il 2008 e il 2019, nella maggior parte delle città risultano essere in aumento anche le aree pedonali, ma ci sono ancora passi da fare, visto che quasi tutti i comuni (tranne Venezia e Firenze) restano sotto i 100 metri quadri per 100 abitanti.

Le auto ibride ed elettriche

Per città sempre più green bisogna prendere in considerazione anche la presenza di auto ibride ed elettriche. Da questo punto di vista i dati, in alcuni casi, vanno nella giusta direzione: ci sono città con significativi progressi, come Bologna che è passata da circa l’1% del 2015 a oltre il 5% del 2020 e Milano (dall’1% del 2015 al 4% del 2020). Altre città, invece, hanno sempre un segno positivo ma restano ancora sotto l’1% (Catanzaro, Campobasso, Potenza, Palermo e Napoli).

Il trasporto pubblico

Purtroppo, ci sono anche numeri negativi, in particolare dal punto di vista della domanda di trasporto pubblico locale: dal 2011 al 2019 si registrano segni negativi in ben 11 delle città prese in considerazione. Fa eccezione Torino che è in controtendenza, con un aumento del 40%.

Tirando le somme, il bilancio della sostenibilità è ancora in chiaroscuro. Iniziano, tuttavia, a vedersi miglioramenti che hanno tracciato la strada: l’auspicio è che venga percorsa sempre più frequentemente.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by