guidasostenibile.it

Ambiente

Riscaldamento globale e crisi energetica: l’esempio delle città car-free

Da una parte c’è la siccità, che ha colpito pesantemente quest’estate, dall’altra c’è la crisi energetica, che sta già facendo sentire i suoi effetti e ci darà del filo da torcere nei mesi più freddi. Due problemi diversi, sicuramente non facili da risolvere, per i quali servono molteplici risposte; ce n’è una, che in qualche modo incrocia le due problematiche e prova a tracciare una delle vie corrette. Si tratta della mobilità sostenibile, che deve anche essere supportata da un mix di infrastrutture efficienti, innovazione, sensibilizzazione e smart cities.

Alcuni esempi virtuosi

Da questo punto di vista, ci sono alcuni esempi virtuosi che si possono seguire, i quali hanno già iniziato a tracciare la strada. 

Solo per citarne due: Stoccolma e San Francisco. La prima ha un sistema di trasporti pubblici efficiente, green e integrato. Punta a diventare “car-free” entro il 2040, con la bicicletta considerata a tutti gli effetti un mezzo di trasporto. La seconda vuole raggiungere le zero emissioni entro il 2050, grazie alla creazione di corridoi sicuri e protetti per bici e pedoni, al passaggio all’elettrico al 100% e ai veicoli a guida autonoma.

L’importanza di una strategia globale

È necessario che sempre più città decidano di intraprendere questa strada, anche perché il tema non è per niente da sottovalutare:  auto, treni, autobus, navi, aerei, alimentati con combustibili fossili sono responsabili di un quarto delle emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea. 

Non può essere sufficiente neanche la sola buona volontà dei cittadini, perché serve un sistema infrastrutturale che supporti tutto ciò e, da questo punto di vista, è indispensabile che le nostre città diventino intelligenti (smart cities).

È necessaria una strategia globale che chiami all’appello non solo i decisori politici, ma anche soggetti privati disposti a investire e supportare il passaggio verso città, infrastrutture e mezzi sostenibili.

Il post lockdown e la sostenibilità

Vi ricordate il lockdown del 2020 e il primo periodo nel quale potevamo iniziare ad uscire? Quanti di voi non vedevano l’ora di fare un giro in bicicletta all’aria aperta, al posto di chiudersi all’interno di un’automobile? Provate a ritornare con la mente a quel periodo, in cui il traffico veicolare era minore e la voglia di muoversi in maniera sostenibile era diventata, per molti, una priorità. Forse comprenderete che vivere in città più green non solo è più bello, ma è anche possibile.

Potremmo trarre insegnamento da questi periodi bui che abbiamo passato e che, con la crisi energetica, stiamo continuando a vivere. Non possiamo ignorare il fatto che il riscaldamento globale sia un problema sempre più visibile e che necessita di risposte immediate, anche dal punto di vista della mobilità urbana.  

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Gli pneumatici delle auto elettriche inquinano?

“Anche le auto elettriche inquinano”: lo dicono spesso i detrattori dei veicoli green, ma è anche uno dei dubbi che attanaglia gli scettici. Se è fuori dubbio che i mezzi elettrici inquinino notevolmente meno di quelli tradizionali, è altrettanto certo che ci siano alcuni elementi che inquinano comunque. 

Tra questi, c’è l’emissione derivante dall’usura degli pneumatici che provoca l’emissione nell’atmosfera di microplastiche e, tra l’altro, sembra sia maggiore proprio con le auto elettriche. Ma c’è una buona notizia: proprio questo problema potrebbe avere presto una soluzione, sulla quale sta lavorando la startup inglese “The Tyre Collective”. Vediamo insieme come. 

Lo studio

Per inquadrare il fenomeno partiamo da uno studio. Secondo l’International Journal of Environmental Research and Public Health, in Europa vengono immesse nell’atmosfera ogni anno ben 500 mila tonnellate di particolato di pneumatici.

Il problema, quindi, non solo esiste ma è anche particolarmente rilevante. Il peso maggiore delle auto elettriche e la più rapida accelerazione causano un’usura più rapida delle gomme rispetto alle auto endotermiche. Si può comprendere ancora meglio quanto sia importante trovare al più presto una soluzione.

L’idea innovativa

“The Tyre Collective”, come riporta Bloomberg, ha ideato un dispositivo che raccoglie le polveri degli pneumatici che si creano con l’attrito sull’asfalto. Il dispositivo installato dietro le ruote e alimentato dall’alternatore dell’automobile ha permesso di assorbire ben il 60% delle polveri. Per questo motivo The Tyre Collective è stata tra le quattro vincitrici dei premi Terra Carta Design Lab, assegnati per le invenzioni originali contro i cambiamenti climatici.

Quando sarà lanciata sul mercato?

Al momento siamo ancora agli albori del progetto. Il dispositivo è ancora un prototipo e nei primi test su strada ha raccolta circa un quinto delle emissioni, ma vi è un ampio margine di miglioramento. 

Bisogna attendere il 2024 quando l’azienda vorrebbe lanciare il suo originale dispositivo sul mercato. L’idea iniziale è di installarlo sul retro di grandi flotte e mezzi per le consegne, per poi proporlo per tutte le tipologie di auto elettriche. 

Insomma, un piccolo grande passo che potrebbe avvicinare alcuni scettici al mondo delle auto green e, magari, far cambiare idea anche a qualche detrattore.

Continua a leggere

Ambiente

Pneumatici sostenibili? Dieci bottiglie di plastica per una gomma

“Sì, ma anche gli pneumatici inquinano”. Ecco un’altra argomentazione degli scettici delle auto elettriche, utilizzata per contestare il loro essere green. Un’argomentazione a cui, di per sé, non si potrebbe controbattere, perché è vera. Ma se, invece, esistessero anche degli pneumatici sostenibili? Allora le cose cambierebbero. È proprio quello di cui vi stiamo per parlare, perché c’è chi ha pensato di utilizzare le bottiglie di plastica per produrre pneumatici. Vediamo insieme come.

Alcuni dati

Per inquadrare meglio il fenomeno, partiamo dai dati. Una ricerca di Emissions Analytics dice che l’inquinamento da usura degli pneumatici può essere ben mille volte peggiore delle emissioni di scarico. Un problema serio, quindi, che lo diventa ancora di più se si aggiunge il fatto che, in generale, sono pochi quelli che vengono riparati o riutilizzati rispetto a quelli che diventano rifiuti.

Il progetto di Continental

Quindi, cosa fare? C’è chi ha pensato a soluzioni creative, che potrebbero risolvere due problemi in un colpo solo: quello dello smaltimento delle bottiglie di plastica e dell’elevato inquinamento degli pneumatici, appunto.

Il protagonista di uno di questi innovativi progetti è il Gruppo Continental, che risulta essere la prima azienda che produce pneumatici ricavati da bottiglie di plastica Pet riciclate. Con numeri che hanno dell’incredibile: per una gomma si utilizzano, infatti, 10 bottiglie di plastica, 40 per un set completo per automobili.

Nello specifico, viene utilizzato il filato di poliestere, ottenuto proprio dalle vecchie bottiglie di plastica con un’innovativa procedura tecnologica, creando poi la struttura portante dello pneumatico.

Il progetto di Michelin

La strada è stata intrapresa e, quando viene tracciata, diventa anche più facile da percorrere da altri: è il caso di Michelin, solo per fare un esempio, la quale ha fatto sapere che nel 2024 lancerà nuovi pneumatici realizzati a partire dai vasetti di yogurt riciclati. L’equazione? 1 pneumatico = 143 vasetti di yogurt + 12.5 bottiglie pet.

Continua a leggere

Ambiente

E-fuel, un’altra strada verso la mobilità sostenibile

L’obiettivo deve essere imprescindibile e chiaro: ridurre ai minimi termini l’inquinamento. Le strade, per arrivare al traguardo, possono essere molte e non bisogna intestardirsi nel volerne percorrere una sola. Seguendo la metafora, se i percorsi aumentano, è probabile che aumentino anche gli automobilisti che li seguono e, di conseguenza, le probabilità di centrare l’obiettivo.

Tra le strade alternative all’elettrificazione c’è anche quella degli e-fuel, carburanti sintetici che possono essere utilizzati per rifornire l’auto, senza alcuna modifica meccanica. 

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e quali case automobilistiche hanno deciso di investire su questa strada.

Cosa sono gli e-fuel?

Sono combustibili liquidi o gassosi di origine sintetica, prodotti attraverso l’utilizzo di anidride carbonica combinata all’idrogeno, ottenuto da fonti rinnovabili. 

Si tratta di un processo che permette di trasformare l’anidride carbonica in un carburante “rinnovabile”, che può rifornire i veicoli senza richiedere particolari modifiche. I risultati, in termini di riduzione dell’inquinamento, sono incoraggianti e lo dimostrano concretamente alcune sperimentazioni.

Il progetto con una Volkswagen Golf

Tra queste c’è quella nata dalla collaborazione fra Association for Emissions Control By Catalyst (Aecc), International Platinum Group Metal Association (Ipa) e Aramco. 

Queste tre realtà hanno utilizzato una Volkswagen Golf 8 1.5 eTSI mild hybrid con omologazione Euro 6d, alimentando il propulsore con un e-fuel sperimentale. Risultato: le emissioni di Co2 sono state abbattute fino all’88%. 

Il progetto di Porsche in Cile

Un altro innovativo progetto pilota è quello sviluppato in Cile, dove è prevista la realizzazione del primo impianto integrato al mondo per la produzione su larga scala di carburanti sintetici neutri dal punto di vista climatico (e-fuel). Ciò è possibile grazie a un investimento della casa automobilistica Porsche di 75 milioni di dollari. Al progetto partecipano anche Siemens Energy, ExxonMobil, l’azienda energetica cilena AME, la compagnia petrolifera cilena ENAP e la società italiana Enel. 

Quindi, l’e-fuel potrebbe essere un utile strumento per affiancare l’elettrificazione delle auto e raggiungere più facilmente l’obiettivo di ridurre al massimo le emissioni inquinanti.

Continua a leggere

News

Senza categoria1 settimana fa

Sunswift 7, l’auto a energia solare più veloce al mondo

Chi non crede in un futuro per le auto ad energia solare ora dovrà ricredersi. La Sunswift 7 si è...

Smart City2 settimane fa

Amazon e i suoi hub di micromobilità sostenibile

Negli ultimi anni le consegne a domicilio sono diventate sempre più diffuse e il periodo della pandemia ha accelerato questo...

What If2 settimane fa

Come orientarsi nel mondo delle mountain bike

Se state pensando all’acquisto di una mountain bike vi conviene informarvi preventivamente perché la scelta non è così scontata come...

Società3 settimane fa

Carpooling: di cosa si tratta e quali sono i vantaggi?

Meno costi, meno inquinamento, più socializzazione: sono le tre parole d’ordine del “car pooling”, ovvero la condivisione di un’auto privata...

Micromobilità3 settimane fa

Escend Blades, i primi pattini elettrici in linea al mondo

La sempre più rapida diffusione dei mezzi di micromobilità sostenibile sta stimolando anche l’ingegno e la creatività. È proprio quello...

Attualità4 settimane fa

Zeekr M-Vision: ecco il robotaxi elettrico a guida autonoma

Vi piacerebbe salire sulla vostra automobile senza più dover pensare alla guida, dedicando il tempo del viaggio ad altre utili...

Tecnologia1 mese fa

Il prototipo per passare da motore diesel a idrogeno

Rendere la propria automobile sostenibile senza bisogno di comprarne una nuova? In futuro potrebbe essere possibile. Un prototipo sviluppato da...

Attualità1 mese fa

General Motors investe a 360 gradi nella mobilità elettrica

Il numero di case automobilistiche che sceglie di investire in maniera rilevante sull’elettrico cresce a vista d’occhio. Tra queste c’è...

Mezzi e modelli1 mese fa

Aptera, l’auto elettrica e solare a 3 ruote

Volete guidare un’auto elettrica ma l’ansia da ricarica vi blocca? Se è così abbiamo trovato un’auto green che fa sicuramente al caso...

Ambiente1 mese fa

Gli pneumatici delle auto elettriche inquinano?

“Anche le auto elettriche inquinano”: lo dicono spesso i detrattori dei veicoli green, ma è anche uno dei dubbi che...

RIMANI AGGIORNATO

Trending

Powered by Green Marketing