Tra i vantaggi di scegliere un’auto elettrica c’è anche quello di poter risparmiare sul rifornimento, ma con il mix tra auto elettrica e pannelli solari si potrebbe addirittura viaggiare completamente gratis: basta usufruire dell’ecobonus 110%. È quanto affermano, in un’intervista riportata dall’Ansa, Gianpiero Santini e Francesco Cerrone, amministratore unico e direttore commerciale di GeneSi, Gruppo che fornisce luce e gas e si occupa di interventi di efficientamento energetico.

Quindi questi mezzi green, oltre ad un effetto positivo dal punto di vista ambientale, sarebbero ancora più convenienti anche per il nostro portafoglio.

Il mix pannelli solari/auto elettrica/ecobonus

I due esperti, dopo aver chiarito che chi ricarica la propria auto con una colonnina domestica beneficia di un costo di circa 5 euro per 100 chilometri (con un prezzo medio dell’energia di 0,35 euro ogni kWh), hanno poi spiegato che “è evidente il grande risparmio in termini economici che può derivare dall’acquisto di un’auto elettrica e se a questo poi si aggiunge l’installazione di un impianto fotovoltaico sul tetto della propria abitazione […] il vantaggio si moltiplica, con il rifornimento che risulterà gratuito nel momento in cui l’impianto sarà ammortizzato o se per la sua realizzazione ci si è avvalsi dell’ecobonus 110% […], che permette addirittura di realizzare l’impianto a costo zero“.

Un connubio conveniente

Quanto sia conveniente il connubio fra pannelli fotovoltaici e auto elettrica lo chiarisce nitidamente in un articolo sul sito vaielettrico.it anche Fabio Stefanini, General Manager di Otovo Italia (operatore specializzato nell’installazione di pannelli fotovoltaici), il quale precisa che “considerando la percorrenza media di un’auto in Italia (14.100 km), un’elettrica ‘parsimoniosa’ richiede intorno a 2,1 MWh di energia all’anno per muoversi […], circa 5,7 kWh al giorno”. Stefanini, poi, prosegue affermando che installando un impianto fotovoltaico a Roma si riescono ad avere 290 kWh all’anno per ogni metro quadro di superficie, mentre a Milano 230 kWh.

Considerando una perdita del 15-20% di efficienza tra il rifornimento e le operazioni per caricare e scaricare l’eventuale accumulatore […] – continua nel suo ragionamento – per ottenere 2,1 MWh è necessaria […] una superficie di circa 9 metri quadri“. E i conti sono presto fatti perché un impianto medio residenziale in Italia richiede circa 20 metri quadri di pannelli con un investimento di circa 6000 euro e un rendimento annuale del 24%.

Quindi è evidente come l’installazione di un impianto fotovoltaico ci possa condurre sulla strada della gratuità, immediata o successiva a un breve periodo di ammortamento del costo iniziale: in ogni caso, sembra proprio un viaggio che vale la pena di affrontare!

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by