Cos’è un biocamino?

La caratteristica distintiva dei biocamini è la combustione biologica, quest’ultima infatti non avviene in modo tradizionale con la legna, ma tramite l’ausilio di un alcool biologico, il bioetanolo per l’appunto. Questo alcool deriva dalla fermentazione di biomasse come residui vegetali provenienti da zucchine, tuberi e barbabietole da zucchero.

Oltre ad avere un bassissimo impatto ambientale, il biocamino è anche poco costoso, per installarlo infatti non sono necessari lavori di muratura e manutenzione; inoltre, non essendoci combustione a legna, non produce cenere, fumo o sostanze tossiche che possono generare cattivi odori in casa. Questo tipo di camino ha tuttavia prestazioni termiche limitate rispetto alle controparti a legno, è quindi consigliato come soluzione integrativa o per piccole stanze. In ogni caso, prima di essere fonti di calore, i camini a bioetanolo sono oggetti di design con cui valorizzare gli angoli preferiti della nostra casa. Ne esistono di diverse dimensioni e si adattano ad ogni ambiente domestico; l’ideale sarebbe unirli a piante ornamentali antismog per trarre il massimo beneficio da entrambi i mondi.

I modelli.

Esistono diverse tipologie di biocamino:

  • Biocamino da terra, il più versatile, è ottimo per riscaldare stanze di medie dimensioni e può essere spostato da una stanza all’altra senza fatica. Ne esistono di varie tipologie dalle forme tradizionali fino alle più stravaganti.
  • Biocamino da parete, a cui viene appeso in modo non dissimile da un quadro o un televisore. Soluzione perfetta per gli amanti del design, necessita però di alcune precauzioni, essendo privo di protezioni evidenti come la sua controparte da terra.
  • Biocamino da incasso viene inserito all’interno di una parete, andandosi ad integrare a qualsiasi ambiente senza occupare spazio in termini di metri quadri. Può essere sporgente o piatto e di solito è provvisto di un vetro protettivo per garantire sicurezza e propagazione del calore.
  • Biocamino da tavolo, piccolo e pratico, può essere posizionato su qualsiasi superfice per creare un’atmosfera confortevole e conviviale. Solitamente inserito in una teca di vetro è un vero accessorio chic utile a modernizzare anche gli ambienti più tradizionali.

Il costo di un biocamino può variare dai 100 ai 1000 euro a seconda della grandezza del dispositivo e rappresenta una soluzione innovativa al tema del micro-riscaldamento domestico, oltre ad essere un interessante oggetto di design con cui decorare la casa.

Share.
GUIDASOSTENIBILE_ICO

Le informazioni sono raccolte attraverso siti di parti terze. Guida Sostenibile non si assume la responsabilità della loro veridicità. Consigliamo un confronto con le case produttrici prima di effettuare un acquisto.
Per informazioni scriveteci a info@guidasostenibile.it per contattare la redazioni scrivete a redazione@guidasostenibile.it

Project by