guidasostenibile.it

Società

Il Comune di Bari mette al centro sostenibilità e innovazione

Un progetto per partecipare all’avviso pubblico Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – Mobility as a service for Italy (Maas4italy) – che, da una parte, punta allo sviluppo della mobilità sostenibile tramite incentivi e, dall’altra, dedica ampio spazio alla sperimentazione.

Cosa prevede il progetto?

Come riportato nel dettaglio dal Quotidiano Di Puglia, sono previsti sistemi di incentivi sulla base dei chilometri percorsi in bici; un esempio, voucher che permetteranno di usufruire di cinema o teatro. Viene proposta anche l’ipotesi di un biglietto unico integrato che, con un solo pagamento, potrebbe consentire di utilizzare diversi sistemi di mobilità (bus, car sharing, bike sharing…).

Nel progetto si parla anche di servizi per la prenotazione e la ricarica dei veicoli elettrici.

Passando alla parte legata all’innovazione, il Comune di Bari propone la creazione di un Living Lab dedicato alle sperimentazioni, tra le quali un bus shuttle elettrico a guida autonoma, la valutazione dell’idrogeno come vettore energetico e il car sharing con automobili alimentate a idrogeno.

L’idrogeno è il futuro?

Si vede chiaramente che il progetto punta sull’idrogeno per la mobilità sostenibile; ma è la strada corretta? Alcuni esperti fanno presente che la priorità è la mobilità pesante (treni ma anche mezzi su gomma) e qui l’idrogeno risulta essere competitivo per costi e prestazioni: per esempio, in Germania, è utilizzato nel trasporto ferroviario per sostituire i treni diesel sulle linee non ancora elettrificate; i treni a idrogeno arriveranno anche in Italia.

È anche vero che, se si vuole investire sull’idrogeno, bisogna necessariamente farlo anche sulle infrastrutture di rifornimento, a oggi non ancora sufficienti.

Qual è il sistema migliore per gli autobus sostenibili?

Tornando a parlare degli autobus, le opinioni degli esperti sull’utilizzo o meno dell’idrogeno sono contrastanti: secondo alcuni il sistema migliore potrebbe essere quello dell’ibridizzazione, utilizzando forme miste di mobilità elettrica.

E la guida autonoma? Per la sua diffusione ci vorrà ancora qualche anno, ma è probabile che avverrà molto rapidamente.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Società

Escursioni in bici: un bel modo di festeggiare la giornata mondiale della bicicletta

Escursioni in bici

A giugno il clima è favorevole, ma il caldo non è ancora soffocante e si inizia a respirare la libertà dell’estate; se poi si aggiunge il fatto che il 3 giugno si festeggia la Giornata Mondiale della Bicicletta (istituita nel 2018 dalle Nazioni Unite), allora non potete far altro che cogliere questa occasione e approfittarne per un’escursione in bici tradizionale o a pedalata assistita. Mare, montagna o campagna? Qui vi proponiamo tre itinerari in tre differenti luoghi d’Italia, in modo che possiate scegliere in base alle vostre preferenze.

La ciclovia Alpe Adria

Partiamo dalla ciclovia Alpe Adria: un itinerario ciclabile di 415 km che da Salisburgo (Austria) passa per la montagna e arriva sul mar Adriatico, a Grado (Friuli-Venezia Giulia).
Si tratta di un lungo percorso, suddiviso in otto tappe, che attraversa le Alpi tra magnifici paesaggi, vecchi tracciati ferroviari e diversi tunnel, consentendovi di scoprire piccoli centri, musei, castelli, bellezze architettoniche, culturali e naturalistiche, senza dimenticare le prelibatezze culinarie. Il tragitto si snoda per 232 km in territorio austriaco e 183 km in Italia ed è possibile anche noleggiare biciclette ed e-bike.

Il percorso ciclopedonale Costa dei Trabocchi

Spostiamoci in Abruzzo, con il percorso ciclopedonale Costa dei Trabocchi: un itinerario ciclabile di 42 km, adatto anche alle famiglie, che attraversa i comuni di Francavilla, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Casalbordino, Vasto e San Salvo, seguendo il tracciato dell’ex ferrovia Adriatica. Potrete partecipare anche ad escursioni organizzate.

Un percorso che vi permette di ammirare le tipiche spiagge dei trabocchi abruzzesi (antiche macchine da pesca in legno), riserve naturali e suggestivi borghi.

Trabocchi che non sono solo da ammirare perché da alcuni anni sono stati riconvertiti in ristoranti di pesce: un’ottima scusa per una sosta gastronomica!

La ciclovia Assisi-Spoleto-Norcia

Per concludere, segnaliamo un’escursione in Umbria, la Assisi-Spoleto-Norcia che, tra l’altro, nel 2015 è stata premiata come ciclovia più bella d’Italia durante la prima edizione del Cosmo Bike Show.

Il percorso si snoda per circa 100 km e, anche in questo caso, segue il tragitto di un ex ferrovia, da Spoleto a Norcia, consentendovi di immergervi in spettacolari paesaggi naturali, attraversando anche antichi centri e castelli medioevali.

Continua a leggere

Società

Auto ibride ed elettriche: cosa ne pensano gli italiani?

Auto ibride ed elettriche: cosa ne pensano gli italiani?

“Stranamente, non abbiamo mai avuto più informazioni di adesso, ma continuiamo a non sapere che cosa succede”. La frase è di Papa Francesco e fa ben capire come nel marasma dell’informazione sia facile perdere la bussola, senza riuscire più ad orientarsi. È quello che traspare anche dal sondaggio condotto su un campione di 505 italiani dalla società di consulenza “Areté” e intitolato “Auto ibride ed elettriche, quali sono i dubbi dei consumatori?“.

La risposta che emerge è che i dubbi e le incertezze insidiano più di due intervistati su tre su molti aspetti dell’automotive sostenibile. Ma, in parallelo, c’è anche un aspetto positivo: cresce l’interesse per l’elettrico. Ecco qui alcuni dati che emergono dal sondaggio.

L’interesse verso l’elettrico e le motivazioni

Rispetto al gennaio 2021, aumentano del 7% le persone che, in caso di nuovo acquisto, comprerebbero un veicolo elettrico: parliamo del 23% degli intervistati. E ben il 77% sceglierebbe in futuro una vettura elettrificata (ibrida).

Ma quali sono le principali motivazioni che li spingerebbero ad acquistare l’auto elettrica? il 54% lo farebbe per non inquinare, il 19% per risparmiare sui costi del carburante e il 16% per risparmiare sui consumi.

Stabile, invece, il prezzo che pagherebbero: quasi 1 su 2 è disposto a spendere tra il 5%-10% in più per una vettura elettrificata.

Tra gli aspetti che potrebbero spingere gli intervistati ad acquistare un mezzo elettrico, ci sono: il prezzo più contenuto (24%), l’installazione di sistemi di ricarica in casa compresi nel prezzo (21%) e gli incentivi statali (21%).

I dubbi

La confusione, però, è ancora troppa: solamente il 40%, infatti, conosce la differenza tra le varie tipologie di ibride (mild hybrid, full hybrid e plug-in) e le elettriche; il 31% pensa che tutte si ricarichino con la spina, il 63% crede che tutte possano percorrere almeno 50 km a emissioni zero, il 26% ha dubbi legati alla batteria (durata, autonomia e modalità di ricarica), il 15% non ha chiari i costi per caricarla, il 12% ha dubbi sulle colonnine e il 10% si preoccupa per lo smaltimento.

L’importanza dell’informazione

Questi sono solo alcuni esempi, ma le incertezze sono davvero tante e dimostrano quanto sia sempre più indispensabile una corretta informazione sull’argomento. È proprio quello che stiamo cercando di fare noi di Guida Sostenibile, offrendovi approfondimenti per sciogliere alcuni dei vostri dubbi, ma serve anche “una maggiore e più efficace comunicazione da parte dei costruttori”, evidenzia il presidente di Areté Massimo Ghenzer.

Continua a leggere

Società

Come vivremo nel 2030 secondo i giovani?

Città più intelligenti anche dal punto di vista della mobilità, inclusive e a misura di tutta la popolazione, soprattutto delle categorie più fragili; è quello che emerge dalla ricerca “Next Gen 2030″ di BNP Paribas Cardif, che ha coinvolto 1.000 ragazzi tra i 15 e i 30 anni. Una ricerca interessante da molti punti di vista, soprattutto se si vuole mettere a fuoco il pensiero dei giovani sulla sostenibilità ad un mese dalla fine di Cop26, la conferenza sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow. In generale, la visione è ottimistica, tenendo conto che ben il 73% dei giovani pensa che vivremo meglio rispetto ad oggi.

Le città e la mobilità

Tra le varie tematiche sulle quali si sono espressi, c’è anche l’organizzazione della città e la mobilità. Nello specifico, il 33% pensa che le città diventeranno più a misura d’uomo, soprattutto della popolazione con particolari esigenze, come mamme, anziani e disabili. Mentre per quanto riguarda la mobilità, il 24% dei giovani interpellati pensa che i semafori saranno intelligenti e gestiti direttamente dall’intelligenza artificiale, attivandosi e disattivandosi in base al traffico.

L’ambiente

Parlando più in generale di ambiente, il bilancio è in chiaroscuro perché da una parte il 41% crede che verranno scoperte nuove tecnologie per il riciclo e riutilizzo dei prodotti, ma dall’altra c’è il 31% dei giovani che prevede un peggioramento del riscaldamento globale e dell’inquinamento.

Le case

È positivo, invece, lo sguardo dei ragazzi sulle future abitazioni; il 43% crede che diventeranno tecnologiche grazie alla domotica presente in tutte le case, il 37% immagina che saranno salubri con sistemi di purificazione dell’aria e di riduzione del rumore e il 36% ritiene che saranno alimentate esclusivamente da energie rinnovabili.

Il lavoro

Un’altra tematica sulla quale si sono espressi è lo smartworking che, con la conseguente diminuzione del traffico veicolare, potrà avere un impatto positivo sull’ambiente; secondo il 52% sarà alternato con la presenza in ufficio e ben il 34% prevede che sarà preponderante.

Sono anche molti (32%) i giovani che immaginano un futuro in cui le nuove tecnologie rivoluzioneranno il mondo del lavoro, grazie a computer intelligenti, assistenti vocali e sistemi di monitoraggio della salute e del benessere del lavoratore.

Continua a leggere

News

Attualità1 giorno fa

Flixbus lancia gli autobus alimentati a biodiesel da colza

La mobilità sostenibile ha varie forme e sfaccettature, ma tutte hanno un denominatore comune: cercare di inquinare il meno possibile. Per...

Smart City3 giorni fa

Quali sono le caratteristiche delle città sostenibili?

Crisi climatica, inquinamento eccessivo, aumento dei prezzi della benzina, pandemia: sono solo alcune delle serie motivazioni per le quali diventa...

Smart City1 settimana fa

Trasporto pubblico sostenibile: in aumento bus elettrici e ibridi

Finalmente l’Italia ha intrapreso con più convinzione la strada della mobilità sostenibile, anche per quanto riguarda il trasporto pubblico. A confermarlo...

Mezzi e modelli2 settimane fa

Adventure 1, il piccolo camper elettrico pensato per i viaggi fuoristrada

Amate avventurarvi su strade sterrate e vorreste avere un mezzo green, che vi consentirebbe anche di riposarvi a bordo la...

Mezzi e modelli3 settimane fa

Sion, l’auto che si può ricaricare anche con i pannelli solari

“Sion, l’auto che si ricarica da sola”. Lo slogan è conciso, ma efficace, perché arriva dritto al punto: quest’auto elettrica...

Attualità3 settimane fa

Strade Future: tra sostenibilità e arte pubblica

Arte e sostenibilità possono andare a braccetto; lo sta dimostrando “Strade Future”*, progetto di sostenibilità e arte pubblica, realizzato a...

Attualità4 settimane fa

Auto elettriche: si risparmia anche per l’assicurazione

Esenzione del bollo da 3 a 5 anni, accesso gratuito nelle zone a traffico limitato (ztl), sosta gratis nei parcheggi...

Tecnologia4 settimane fa

Battery Swap: quali sono le prospettive in Europa?

Il battery swap sicuramente è più diffuso in Oriente, dove sta riscontrando sempre più successo; ora alcune società stanno cercando di testarlo...

Attualità4 settimane fa

Monopattini elettrici: ecco il decreto con tutti i requisiti

I monopattini elettrici sono sempre più diffusi nelle nostre città. A volte per gli utenti non sono ben chiare le...

Attualità1 mese fa

Samsung lancia elettrodomestici per rendere la vita domestica più sostenibile

Da una parte c’è la crisi energetica, uno dei principali problemi che tutti noi stiamo affrontando e subiremo ancora di...

RIMANI AGGIORNATO

Trending

Powered by Green Marketing